Yoshimi Uchida

UCHIDA Yoshimi 内田善美

A cura di Emy e Martina

Yoshimi Uchida nasce il 28 ottobre 1953 nella prefettura di Yamanashi; debutta nel 1974 e fin dalle prime opere supera in maniera brillante i canoni e le limitazioni a cui gli shoujo manga sono spesso sottoposti.
Si distingue per la commistione di temi fantastico/ immaginari, per gli interessi filosofici e psicologici, l’impiego di immagini eleganti, evocative e cariche di impatto.
Le illustrazioni di Uchida sensei lasciano a bocca aperta, sembrano dei veri e propri quadri in cui è evidente l’influenza dei Preraffaeliti. I dettagli sono sempre curatissimi, il character design è molto più realistico e “occidentale” rispetto alla media.
Come mangaka ha realizzato una decina di volumi, lavorando per Ribon, Bouquet e in generale per la Shueisha, come illustratrice ha interpretato col suo stile riconoscibilissimo classici quali “Piccole donne” o “Sogno di una notte di mezza estate” (illustrazioni raccolte nei suoi artbook) e diverse copertine della rivista Bouquet.
Uchida sensei ha terminato la propria carriera di mangaka verso la metà degli anni Ottanta. E’ tutt’ora molto conosciuta e apprezzata anche se le sue opere sono fuori stampa. Pare che la Uchida sia inspiegabilmente contraria alla loro riedizione, e che da molti anni nessuno nel mondo dell’editoria giapponese sia più riuscito a contattarla.

Opere

HOSHI NO TOKEI NO LIDDELL (Liddell dell’orologio delle stelle)
1982-83, Shueisha, 3 volumi
Un’opera che gioca sulle differenze tra sogno e realtà, dalla grafica superba.
Nato a Vienna, Vladimir discende da un nobile russo fuggito dalla patria per evitare le agitazioni della Rivoluzione. Viaggia di continuo e non può fare a meno di sentirsi uno straniero in qualsiasi nazione egli si trovi.
Tornato in America dopo due anni, Vladimir ritrova il suo migliore amico Hugh, il quale conduce una vita più sedentaria.
Da molti anni Hugh ha un sogno ricorrente ed estremamente realistico. Nel sogno gli appare una casa vittoriana e viene avvicinato da una misteriosa fanciulla di nome Liddell (ricollegabile ad Alice Liddell, che ispirò la celebre opera di Lewis Carroll). Durante il sogno, il respiro di Hugh si interrompe e il suo corpo raggiunge lo stato di morte apparente.
Dinanzi a queste stranezze, Vladimir non può fare a meno di preoccuparsi per Hugh, il quale è così immerso nel mondo onirico da non riuscire a comprendere quale dei due mondi sia quello reale. Hugh afferma che nel sogno avverte la richiesta d’aiuto da parte della fanciulla di nome Liddell, e desidera partire alla ricerca di quella casa vittoriana. Vladimir, che nutre un profondo affetto nei confronti di Hugh, cercherà di aiutarlo…

Gallery

 

_______________________________________

This review is online since 22/03/2001, last up 01/02/2019. This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.Licenza Creative Commons

Annunci